Logo Amici dei Musei Corato
Logo Amici dei Musei Corato

press to zoom
Locatione Di Andria - XVII sec.
Locatione Di Andria - XVII sec.

press to zoom
Pietà - Museo della Città e del territorio, Corato
Pietà - Museo della Città e del territorio, Corato

press to zoom
Logo Amici dei Musei Corato
Logo Amici dei Musei Corato

press to zoom
1/5

LA STORIA IN PIAZZA

UN GIRO DENTRO LE MURA

Che ne dite di varcare virtualmente questa cortina?
Chiediamo aiuto a cinque autorevoli coratini del primo decennio del ‘600 incaricati di censire il feudo della propria città: il notaio Domenicus Tandoi, Franciscus de Tota, misuratore di territori, il dottor Thomas Angelus Boj, uomo del governo, Lucas Mangione, ricco possidente e l’esperto Carolus De Bianco, anch’egli ricco proprietario e più volte sindaco. Ecco che ci aprono le porte...

 

Arte e fotografia

Il dolore della Madre e degli astanti

L’espressività della Pietà

 

Jacopone da Todi, "Donna de Paradiso", Lauda 70, XIII sec.

Maria: "O figlio, figlio, figlio,
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio
al cor me’ angustïato?”

Maria: “O figlio, figlio, figlio, figlio, giglio amoroso! Figlio, chi dà conforto al mio cuore angosciato?”

 

Nella lauda 70 Jacopone da Todi esprime la pena tutta umana per la morte di un figlio da parte della mamma di Gesù; traspare l'angoscia di una madre che perde il proprio figlio ed è inerme di fronte a ciò che sta accadendo, perché il progetto di Dio è quello e può solo accettarlo. 

I versi di Jacopone possono fungere da didascalia/commento ad opere di altra natura, perché pittoriche e scultoree, che attraverso l'iconografia della Pietà e del Compianto sul Cristo morto hanno “dato voce” nel corso dei secoli al dolore di Maria e di coloro che parteciparono alla Passione.

Unisciti a noi
      Novità
  • Facebook